Chi più ne ha, più ne metta..

Lascia un commento

Girano voci che a Settembre ne vedremo delle belle. Se tutto va secondo i piani, il Governo Letta, porrà la ciliegina sulla torta riguardo il mercato immobiliare. Dopo i bonus per le ristrutturazioni e la sospensione dell’imu sulla prima abitazione, c’è l’intenzione di coinvolgere alcune banche in un clamoroso piano di appoggio dei prestiti per l’acquisto della prima casa. Le strade percorribili per raggiungere tale obiettivo sono diverse, ma le più probabili sarebbero due:

  • La creazione di un fondo di garanzia per le giovani coppie. Strumento già esistente, ma senza le giuste coperture e il coinvolgimento delle banche è di fatto inutile.
  • Aiuti più rischiosi diretti all’acquisto dell’immobile, sullo stampo di quelli inglesi.

A zittire i pessimisti e gli scettici, entra in gioco l’interesse delle banche a far ripartire il settore immobiliare, ma anche quello dei costruttori nella speranza di piazzare l’invenduto. A completare il quadro troviamo l’indice euribor ai minimi e la discesa dello spread sul nostro debito visto che, rispetto a 6 mesi fa, il costo dei mutui è diminuito notevolmente.

La speranza è l’ultima a morire..

Una sofferenza per capello..

Lascia un commento

Immagine

 

Nonostante il basso livello dei prezzi degli immobili, il mercato stenta a ripartire: sempre più compravendite si concludono senza la stipula di un mutuo. Motivo? L’aumento delle sofferenze bancarie tra le voci dei bilanci delle banche. E’ dal 2012 che gli analisti internazionali dubitano della solidità dei nostri istituti di credito e pare che tali dubbi siano fondati. Se tiriamo le somme sembra che tali sofferenze si aggirino introno ai 256 milioni di euro, che può sembrare un numero positivo dato che nel 2010 ammontavano a 157 miliardi di euro. Come possiamo notare dal grafico, le categorie di tali crediti sono: 

  • Crediti scaduti o sconfinanti che alla data di segnalazione sono scaduti o sconfinanti rispetto al fido concesso, per oltre 90 giorni consecutivi.
  • Crediti ristrutturati le cui condizioni generali sono state modificate a favore del debitore per tener conto del peggioramento delle condizioni economico e finanziarie di quest’ultimo.
  • Crediti incagliati nei confronti di soggetti in temporanee situazioni difficili di cui si prevede la possibile soluzione in tempi brevi.
  • Crediti sofferti verso soggetti in stato di insolvenza o che si trovano in una situazione sostanzialmente equiparabile.

In definitiva, il mercato immobiliare risulta essere fortemente influenzato dalla condizioni poste da parte degli istituti di credito per l’erogazione dei finanziamenti, ma bisogna tener conto anche dei problemi di equità: l’accesso al mercato immobiliare è, ormai,  riservato alle famiglie più facoltose. Non dimentichiamoci che, tuttavia, le banche hanno interesse a far ripartire il settore edile…

Unicredit prima fre tutte…

Lascia un commento

Secondo i dati della Banca centrale europea, in questo trimestre dell’anno stiamo assistendo a un allentamento della stretta sul credito alle famiglie. Non a caso sempre più istituti di credito mettono in offerta i loro prodotti per stimolare la domanda e l’apprezzamento verso i risparmiatori. Il primo istituto tra tutti è l’Unicredit che ha lanciato di recente due nuove iniziative:

  • mutui flessibili al 2.5%.
  • finanziamento ai costruttori per il completamento delle opere.

l’iniziativa “mutui valore” prevede tassi non superiori al 3% (spread 250 più euribor) e una serie di condizioni favorevoli al mutuatario: come ad esempio, la possibilità di ridurre l’importo della rata, ridurre il pagamento senza rinegoziare i termini del contratto, porre un cap sul tasso per tutelarsi da eventuali rialzi o infine la possibilità di cambiare da tasso variabile a tasso fisso.

Per i costruttori che hanno problemi a completare le proprie opere, è nata invece la formula “ripresa cantieri” che offre un finanziamento per la realizzazione degli immobili, ma anche un supporto nella fase di compravendita. Verranno concessi mutui-casa finanziati fino al 100% del valore degli alloggi (senza considerare nessuna spesa notarile, di istruttoria, perizia o imposta sostituitiva). Il progetto fino ad oggi ha coinvolto 59 cantieri in 13 città soprattutto Milano (10 cantieri) e Roma (11 cantieri).

Un passo alla volta..

 

VERDE MAREMMA GROSSETO (TOSCANA)

Lascia un commento

VERDE MAREMMA GROSSETO (TOSCANA)

APPARTAMENTO COMPLETAMENTE RISTRUTTURATO COMPOSTO DA INGRESSO, SOGGIORNO CON BALCONE, CUCINA ABITABILE CON DISPENSA, ARMADIO A MURO, MATRIMONIALE CON CABINA ARMADIO E CAMERA DOPPIA CON BALCONE, BAGNO SENZA FINESTRA,ARIA CONDIZIONATA, DA GARAGE
CLASSE ENERGETICA “G” IPE > 283,90 KWH/MQ ANNO
COMPLETELY RENOVATED APARTMENT COMPOSED BY ENTRY, LIVING ROOM WITH BALCONY, KITCHEN WITH PANTRY, WALL CLOSET, BEDROOM WITH WALK-IN CLOSET AND DOUBLE ROOM WITH BALCONY, BATHROOM WITHOUT WINDOW, AIR CONDITIONING, GARAGE
ENERGY CLASS “G” IPE> 283,90 kWh / m² year

PISO TOTALMENTE REFORMADO COMPUESTO POR ENTRADA, SALÓN COMEDOR CON BALCÓN, COCINA CON DESPENSA, ARMARIO DE PARED, DORMITORIO CON VESTIDOR Y HABITACION DOBLE CON BALCON, BAÑO SIN VENTANAS, AIRE ACONDICIONADO, GARAJE
CLASE ENERGÉTICA “G” IPE> 283,90 KWH / M² AÑO

ПОЛНОСТЬЮ ОТРЕМОНТИРОВАННАЯ КВАРТИРА КОМПОЗИТОРЫ ПРИХОЖАЯ, ГОСТИНАЯ С БАЛКОНОМ, КУХНЯ С КЛАДОВОЙ, СТЕННОЙ ШКАФ, СПАЛЬНЯ С ГАРДЕРОБНОЙ, ДВУХМЕСТНЫЕ КОМНАТЫ С БАЛКОНОМ, ВАННАЯ КОМНАТА БЕЗ ОКНА, КОНДИЦИОНЕР, ГАРАЖ
КЛАСС ЭНЕРГОПОТРЕБЛЕНИЯ “G” IPE> 283,90 КВТЧ / М ГОДУ

KOMPLETT RENOVIERTE WOHNUNG BY ENTRY, WOHNZIMMER MIT BALKON, KÜCHE MIT SPEISEKAMMER, WANDSCHRANK, SCHLAFZIMMER MIT BEGEHBAREM KLEIDERSCHRANK UND EIN DOPPELZIMMER MIT BALKON, BAD OHNE FENSTER, KLIMAANLAGE, GARAGE
ENERGY CLASS “G” IPE> 283,90 KWH / M² JAHR

CORSO CARDUCCI GROSSETO (TOSCANA)

Lascia un commento

CORSO CARDUCCI GROSSETO (TOSCANA)

APPARTAMENTO DI CIRCA 160 MQ DISPOSTO SU DUE LIVELLI COMPLETAMENTE RISTRUTTURATO CON MATERIALI DI PREGIO. COMPOSTO DA INGRESSO, CUCINA CON DISPENSA, SALONE DOPPIO E BAGNO AL SECONDO PIANO. UNA MARRIMONIALE, BAGNO CON FINESTRA, RIPOSTIGLIO, GROSSE GARAGE

CLASSE ENERGETICA “G” IPE 187,87 KWh/MQ ANNO

APARTMENT OF APPROXIMATELY 160 SQM ON TWO LEVELS FULLY RESTORED WITH MATERIALS OF HONOR. INCLUDES ENTRY, KITCHEN WITH PANTRY, LIVING ROOM AND BATHROOM ON THE SECOND FLOOR. A MARRIMONIALE, BATHROOM WITH WINDOW, CLOSET, LARGE GARAGE

ENERGY CLASS “G” IPE 187.87 kWh / m² year

APARTAMENTO DE UNOS 160 METROS CUADRADOS EN DOS NIVELES TOTALMENTE RESTAURADA CON MATERIALES DE HONOR. INCLUYE LA ENTRADA, COCINA CON DESPENSA, SALÓN Y BAÑO EN EL SEGUNDO PISO. A MARRIMONIALE, BAÑO CON VENTANA, CLOSET, GARAJE GRANDE

CLASE ENERGÉTICA “G” IPE 187,87 KWH / M² AÑO

КВАРТИРЫ ОКОЛО 160 КВ.М. НА ДВУХ УРОВНЯХ ПОЛНОСТЬЮ ВОССТАНОВЛЕН С МАТЕРИАЛЫ ЧЕСТИ. ВКЛЮЧАЕТ ВХОД, КУХНЯ С КЛАДОВОЙ, ГОСТИНАЯ И ВАННАЯ КОМНАТА НА ВТОРОМ ЭТАЖЕ.MARRIMONIALE, ВАННАЯ КОМНАТА С ОКНОМ, ТУАЛЕТ, БОЛЬШОЙ ГАРАЖ

КЛАСС ЭНЕРГОПОТРЕБЛЕНИЯ “G” IPE 187,87 КВТЧ / М ГОДУ

Troppe seconde case..

Lascia un commento

Immagine

In Italia ci sono circa più di 3,5 milioni di case che vengono lasciate vuote per la maggior parte dell’anno. Un patrimonio inutilizzato che potrebbe fruttare 10.000 l’euro per una famiglia media e un’occasione mancata anche per il turismo. I proprietari italiani, lontani dai trend europei, preferiscono usare le seconde abitazioni a uso esclusivo, ma mantenerle sta diventando sempre più caro. A dirlo è uno studio di hallds, società di windows on europe, anticipato da repubblica.it che ha incrociato dati dell’istat, agenzia del territorio e enel energia. oggi nel nostro paese ci sono circa 3,5 milioni di case inutilizzate e solo il 15% di queste viene utilizzato per affitto stagionale o di breve durata

Ma per quale motivo? alla base ci sarebbe un motivo culturale: I proprietari di seconde case sono abituati a tenerle a propria disposizione come avveniva in passato, ma adesso ciò non è più conveniente visto la pesantezza del fisco.

Non affittare la casa può tradursi in un costo o comunque in un mancato guadagno

 

Ristrutturazioni per furti

Lascia un commento

Con la nuova legge sulla ristrutturazione degli immobili viene regolato anche il discorso riguardante gli interventi effettuati per prevenire furti o qualsiasi tipo di atto illecito da parte di terzi. Forse non tutti sanno che l’agenzia delle entrate ha stilato un elenco di interventi con i quali ottenere dei bonus. 

  1. rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici; apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione;
  2.  porte blindate o rinforzate;
  3. apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini;
  4. installazione di rilevatori di apertura e di effrazioni sui serramenti;
  5. apposizione di saracinesche e tapparelle metalliche con bloccaggi;
  6. vetri antisfondamento;
  7. casseforti a muro;
  8. fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati;
  9. apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline;

Tuttavia non rientra in tale categoria la stipula di un contratto di vigilanza, per il semplice motivo che non riguarda direttamente l’immobile.

Roselle (GR) Toscana

Lascia un commento

ROSELLE (GR) TOSCANA

OTTIMO APPARTAMENTO DI RECENTE COSTRUZIONE (2003) DISPOSTO SU DUE PIANI E COMPOSTO DA AMPIO SOGGIORNO CON ANGOLO COTTURA E BALCONE, DISIMPEGNO NOTTE, CAMERA MATRIMONIALE E BAGNO C.F. AL 2° P. ALTRA CAMERA MATRIMONIALE CON CABINA ARMADIO, BAGNO C.F. E TERRAZZO AL 3° PIANO, GARAGE

CLASSE ENERGETICA “E” IPE > 74,70 KWh/ MQ PER ANNO.

EXCELLENT APARTMENT BUILT IN 2003. TWO FLOORS AND LIVING ROOM WITH KITCHEN AND BALCONY, BEDROOM AND BATHROOM WITH WINDOW ON THE SECOND FLOOR. SECOND BEDROOM WITH WALK-IN CLOSET, BATHROOM AND TERRACE WITH WINDOW TO THE THIRD FLOOR, GARAGE

ENERGY CLASS “E” IPE> 74.70 KWh / SQ FOR YEAR.

EXCELENTE APARTAMENTO CONSTRUIDO EN 2003. DOS PLANTAS Y SALA DE ESTAR CON COCINA Y BALCÓN, DORMITORIO Y BAÑO CON VENTANA DEL SEGUNDO PISO. SEGUNDO DORMITORIO CON VESTIDOR, BAÑO Y TERRAZA CON VENTANA AL TERCER PISO, GARAJE

ENERGÍA DE CLASE “E” IPE> 74.70 KWH / M² POR AÑO.

AUSGEZEICHNETE WOHNUNG BAUJAHR 2003. ZWEI ETAGEN UND EIN WOHNZIMMER MIT KÜCHE UND BALKON, SCHLAFZIMMER UND BAD MIT FENSTER AUF DER ZWEITEN ETAGE. ZWEITES SCHLAFZIMMER MIT BEGEHBAREM SCHRANK, BAD UND TERRASSE MIT FENSTER IN DER DRITTEN ETAGE, GARAGE

ENERGY CLASS “E” IPE> 74,70 KWH / QM PRO JAHR.

ОТЛИЧНАЯ КВАРТИРА ПОСТРОЕНА В 2003 ГОДУ. ДВА ЭТАЖА И ГОСТИНАЯ С КУХНЕЙ И БАЛКОНОМ, СПАЛЬНЯ И ВАННАЯ КОМНАТА С ОКНОМ НА ВТОРОМ ЭТАЖЕ. ВТОРАЯ СПАЛЬНЯ С ГАРДЕРОБНОЙ, ВАННОЙ КОМНАТОЙ И ТЕРРАСОЙ С ОКНА НА ТРЕТЬЕМ ЭТАЖЕ, ГАРАЖ

КЛАСС ЭНЕРГОПОТРЕБЛЕНИЯ “E” IPE> 74,70 КВТЧ / КВ.М В ГОД.

Le sorti del settore edile

Lascia un commento

Cosa succederà ai prezzi delle case nel 2014? Ci sarà un crollo o un’adeguata tenuta? Le banche torneranno a riattivare il credito, tra cui quello alle famiglie, o l’affitto sarà l’unica alternative per trovare casa? Queste sono solo alcune delle domande che il sottoscritto e gli economisti ci poniamo osservando la profonda crisi che attraversa l’edilizia. Nonostante il settore immobiliare stia attraversando un periodo di crisi, da oltre un anno ormai, qualcuno vede già la fine e afferma che la ripresa sia molto vicina. Le previsioni effettuate dal Cresme, il centro ricerche specializzato nelle costruzioni, affermano che già dalla seconda metà del 2013 le compravendite ripartiranno. Si crede che il settore crescerà dell‘1,8% e il fatturato residenziale sarà di 86 miliardi.

L’Istituto Scenari Immobiliari vede nella restrizione dei mutui il vero problema del settore, molto più dei prezzi delle case. “Non credo che ci sia un legame così diretto tra prezzi e attività del mercato” ha affermato il presidente Mario Braglia, “credo invece che oggi manchi completamente il credito”. Come detto in precedenza, le banche hanno problemi con i pagamenti dei mutui e con gli oltre 25 miliardi di “crediti deteriorati”, tenendo conto che alcune sofferenze possono essere state omesse al pubblico. Le banche hanno tuttavia interesse a far ripartire il mercato immobiliare: nei prossimi mesi potremmo vedere un miglioramento nelle condizioni dei mutui, ma c’è il rischio che non basti. La Banca d’Italia sta già chiedendo di provvedere con accantonamenti superiori a coprire i mutui in corso. Per la prima volta si comincia a parlare della possibilità anche in Italia, sul modello di Irlanda e Spagna, di una “bad bank” per assorbire i crediti deteriorati. Nessuno però la vuole, anche se bisogna trovare una soluzione alternativa, come una riduzione controllata dei prezzi delle case, con l’emersione degli immobili in mano agli istituti bancari e la loro immissione graduale sul mercato.

Quanto sono affidabili queste previsioni? Tra gli operatori del mercato le previsioni di una possibile ripresa nella seconda metà del 2013 non sono affidabili. Da un sondaggio svolto dal Sole24ore, tra gli operatori del mercato, si è giunti alla conclusione che solo il 40% degli intervistati condivide tali previsioni: se la ripresa generale è complicata, come può il settore immobiliare riprendersi così in fretta?.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: